Contenuto principale

Messaggio di avviso

Alternanza scuola lavoro

L’alternanza integra i sistemi dell’istruzione, della formazione e del lavoro attraverso una collaborazione produttiva tra i diversi ambiti, con la finalità di creare un luogo dedicato all’apprendimento in cui i ragazzi siano in grado di imparare concretamente gli strumenti del “mestiere” in modo responsabile e autonomo. Se per i giovani rappresenta un’opportunità di crescita e di inserimento futuro nel mercato del lavoro, per  le aziende si tratta di investire strategicamente in capitale umano ma anche di accreditarsi come enti formativi.

 Con la L.107 questo nuovo approccio alla didattica, rivolto a tutti gli studenti del secondo biennio e dell'ultimo anno, prevede obbligatoriamente un percorso di orientamento utile ai ragazzi nella scelta che dovranno fare una volta terminato il percorso di studio. Il periodo di alternanza scuola - lavoro si articola in 400 ore così suddivise: 120 ore terzo anno - 200 quarto anno - 80 quinto anno.

 L’alternanza si realizza con attività dentro o fuori dalla scuola.

Nel primo caso si tratta di orientamento, incontri formativi con esperti esterni, insegnamenti di istruzione generale in preparazione all’attività di stage. Le attività fuori dalla scuola riguarderanno lo stage vero e proprio presso le strutture ospitanti e la formazione in aula. Sono previste diverse figure di operatori della didattica: tutor aziendali, docenti che seguono l’attività didattica in aula, docenti incaricati del rapporto con le strutture ospitanti/aziende, i consulenti esterni.

L’istituzione scolastica o formativa con la collaborazione del tutor esterno designato dalla struttura ospitante/azienda valuta il percorso di alternanza effettuato e provvede a certificare le competenze acquisite dagli studenti nel percorso.

Le competenze acquisite costituiscono credito sia ai fini della prosecuzione del percorso scolastico o formativo per il conseguimento del diploma o della qualifica, sia per gli eventuali passaggi tra i sistemi ivi compresa l'eventuale transizione nei percorsi di apprendistato.

I percorsi formativi di alternanza scuola lavoro sono resi possibili mediante apposite convezioni che la scuola stipula con imprese del settore alberghiero, camere di commercio, industria, artigianato, terzo settore che sono disposti a ospitare lo studente per il periodo dell’apprendimento.

I percorsi di alternanza si svolgeranno in Italia e anche all’estero, anche durante la sospensione delle  attività didattiche e  con la modalità dell'impresa formativasimulata.

La costituzione del Registro nazionale per l’alternanza scuola-lavoro presso le Camere di Commercio rappresenta uno strumento di raccordo per facilitare l’incontro tra imprese ed istituzione scolastiche

Le fonti di finanziamento utilizzate dalla scuola per realizzare percorsi di alternanza derivano per la quasi totalità dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca (MIUR). Altre forme di finanziamento riguardano i fondi d’istituto, i fondi regionali, i fondi FSE, privati e quelli previsti dai PON.

Anche quest'estate ben più di 100 nostri alunni delle 3°,4° e 5° classi hanno avuto l'opportunità di fare stage estivi da giugno a settembre in alcune tra le migliori strutture alberghiere e villaggi vacanza della Sardegna, del Veneto e della capitale.

E' stata l'ennesima, ulteriore opportunità fornita ai nostri alunni di "toccare con mano" il mondo del lavoro e di misurarsi con esso.

Tanti gli encomi ricevuti per le nostre ragazze e i nostri ragazzi che ci riempiono di orgoglio e ci spingono a fare sempre meglio.